32 Atra

atra-32-via-dei-birrai_20161010151201.jpg
atra-32-via-dei-birrai_20161010151201.jpg

32 Atra

9.30

Birrificio: 32 Via  dei Birrai

Stile: Belgian Stron Ale

Grado Alcolico: 7.3%

Formato:  75 cl

Colore: marrone scuro

Bicchiere consigliato: calice a tulipano

Quantity:
Add To Cart

Descrizione: Birra scura doppio malto color tonaca di frate, di alta fermentazione e rifermentata in bottiglia. Il nome proviene dal latino e e significa "scura". Bevuta a temperatura ambiente, ricorda le birre da meditazione.

Note sensoriali: schiuma beige, compatta e persistente. Aspetto talvolta velato dal lievito, perlage fine. Al naso note di caffè, cioccolato, nocino e sentori di botte. Al palato leggermente amarognola, dovuto al malto torrefatto che però poi regala profumi di caffè, caramello e cioccolato. Birra dal corpo molto scorrevole.

Abbinamenti: contorni di lenticchie e fagioli, minestre con legumi, stinco con cotenna caramellata, torta al cioccolato, crème caramel, panna cotta.

 

 


32 Via dei Birrai nasce a Pederobba (TV) nel giugno 2006, fondato da tre amici provenienti da background diversi che condividevano un’idea: creare un nuovo modo di fare la birra.

Le origini

Loreno Michielin, esperto commerciale, Alessandro Zilli, ingegnere appassionato di homebrewing e Fabiano Toffoli, mastro birraio, unirono insieme le loro competenze e la loro passione per dare vita ad un microbirrificio artigianale che parlasse un linguaggio diverso nel panorama della birra. 

Fabiano Toffoli è vissuto in Belgio, paese della madre, fino all’età di sedici anni, per poi trasferirsi in Italia e completare il percorso di studi in agronomia. Dopo varie esperienze nel settore brassicolo, nel 2006 a 32 anni, assieme a Loreno e Alessandro fonda 32 Via dei birrai. A lui fanno capo tutte le attività legate alle produzione e al controllo qualitativo.

Alessandro Zilli (aka Bano), appassionato homebrewer, ma ingegnere di formazione, in 32 si occupa ricerca e sviluppo. Grazie a lui gli impianti di produzione sono costantemente aggiornati per migliorare la qualità delle birre e ottimizzare l'efficenza, riducendo sprechi e consumi di risorse.

Ad occuparsi degli aspetti commerciali c'è Loreno Michielin, con alle spalle una lunga esperienza nella ristorazione, oggi coadivato da Mauro Gajo per il mercato italiano.

Perché 32 Via dei Birrai?

32 è il numero corrispondente alla classe di appartenenza della birra, secondo la classificazione internazionale di Nizza che indica e categorizza prodotti e servizi.

Via dei Birrai perché a Bruxelles c'è una Rue des Brasseurs, la via dei birrai.

Ma c'è anche un significato astratto: la via intesa come un percorso, e il cerchio del logo riprende il concetto di eterno movimento verso il divenire, un moto continuo e perpetuo.