32 Curmi

curmi-32-via-dei-birrai_20161010150944.jpg
curmi-32-via-dei-birrai_20161010150944.jpg

32 Curmi

9.40

Denominazione: 32 CURMI


Birrificio: 32 VIA DEI BIRRAI


Stile: Birra bianca


Grado alcolico: 5,8%
 

Formato:75 CL


Colore: Colore giallo paglierino con riflessi ramati


Bicchiere consigliato: A trapezio rovesciato, molto capiente
 

Quantity:
Add To Cart

Descrizione: Birra speziata ottenuta con farro e malto d’orzo, ad alta fermentazione e rifermentata in bottiglia.


Note sensoriali: schiuma bianca, compatta, sottile e persistente. Colore giallo paglierino con riflessi ramati, libero da solidi in sospensione ma velato da lievito; perlage fine. Sentori floreali e di frutta esotica, con una lieve acidità citrica e note di paglia, fieno e mollica. rinfrescante, lievemente acidulo (dovuto alle spezie), in cui si stemperano, delicati, il malto e il luppolo. Birra scorrevole, dal corpo medio ma più consistente rispetto ai prodotti della stessa categoria.


Abbinamenti: pinzimonio, cibi delicati senza salse grasse come pesce o carne bianca, formaggi freschi a pasta molle, torta margherita.


32 Via dei Birrai nasce a Pederobba (TV) nel giugno 2006, fondato da tre amici provenienti da background diversi che condividevano un’idea: creare un nuovo modo di fare la birra.
Le origini
Loreno Michielin, esperto commerciale, Alessandro Zilli, ingegnere appassionato di homebrewing e Fabiano Toffoli, mastro birraio, unirono insieme le loro competenze e la loro passione per dare vita ad un microbirrificio artigianale che parlasse un linguaggio diverso nel panorama della birra. 
Fabiano Toffoli è vissuto in Belgio, paese della madre, fino all’età di sedici anni, per poi trasferirsi in Italia e completare il percorso di studi in agronomia. Dopo varie esperienze nel settore brassicolo, nel 2006 a 32 anni, assieme a Loreno e Alessandro fonda 32 Via dei birrai. A lui fanno capo tutte le attività legate alle produzione e al controllo qualitativo.
Alessandro Zilli (aka Bano), appassionato homebrewer, ma ingegnere di formazione, in 32 si occupa ricerca e sviluppo. Grazie a lui gli impianti di produzione sono costantemente aggiornati per migliorare la qualità delle birre e ottimizzare l'efficienza, riducendo sprechi e consumi di risorse.
Ad occuparsi degli aspetti commerciali c'è Loreno Michielin, con alle spalle una lunga esperienza nella ristorazione, oggi coadiuvato da Mauro Gajo per il mercato italiano.